Aqva

AQVA ha vinto il Premio Internazionale TEATARFEST 2006.

Un miliardo e 100 milioni di persone, cioè un sesto della popolazione mondiale, vivono senza acqua potabilecemento-mirko-aqva

Due miliardi e 400 milioni di persone, cioè il 40 per cento della popolazione del pianeta, non dispongono di impianti igienici. Si stima che l’80 per cento di tutte le malattie presenti nei paesi in via di sviluppo abbia origini idriche. Sono 6.000 i bambini che quotidianamente muoiono per malattie causate da acqua inquinata, e da impianti sanitari inadeguati – come se 20 jumbo jet si schiantassero ogni giorno.
Secondo le Nazioni Unite, nei prossimi vent’anni la Terra sarà abitata da otto miliardi di persone, e la quantità media pro capite di acqua diminuirà di un terzo. Andando ancora più in là con le previsioni, entro il 2050 la crisi idrica potrebbe colpire fino a sette miliardi di individui.
C’è una differenza quasi incredibile nel consumo di risorse idriche, tra i paesi ricchi e i paesi poveri. Si va dai 50 litri al giorno consumati da un tunisino, ai 380 di un italiano, fino ad arrivare ai 650 litri di un americano. L’11 per cento della popolazione consuma l’88 per cento dell’acqua del mondo. Ed è abbastanza inquietante che lo stesso 11 per cento controlli l’84% per cento di tutta la ricchezza prodotta nel mondo.

Il secondo forum sull’acqua che si è tenuto all’Aja, ha capovolto, quanto stabilito nel 1977 a Mar de La Plata. Prima l’acqua era un diritto umano, ora è semplicemente un bisogno, in altre parole è di chi può permettersi di pagarla a caro prezzo. Dire che ogni persona ha diritto di bere, significa che la collettività intera, deve garantire a tutti la possibilità di espletare questa necessità, supportando la spesa, quando non si è in grado di sostenerla direttamente. Parlare più genericamente di bisogno di bere, significa riportare tale esigenza a fatto individuale; è come asserire che la persona beve se può permetterselo.
Ma l’accesso all’acqua deve essere considerato un bene comune dell’umanità.

AQVA ha vinto il Premio Internazionale TEATARFEST 2006.

La parte video dello spettacolo è stata realizzata in collaborazione con Visionaria, Video Festival Internazionale presieduto dall’attore, regista e sceneggiatore Alessandro Benvenuti.
Le immagini sono state gentilmente concesse dall’UNICEF.

tuja-blu-aqva

Coreografie Simona Cieri
Soggetto e sceneggiatura Rosanna Cieri
Musiche Autori vari
Riprese video VISIONARIA, Simona Cieri, Gino Massari
Video editing Simona Cieri
Costumi Mirko Bolognesi
Danzatori Konstantina Agathou, Marco Batti, Mirko Bolognesi, Maurizio Cannalire, Simona Gori, Sara Mancini,
Federica Morettini, Riccardo Pardini
Regia Rosanna e Simona Cieri

lavatrice-aqva                    sara-tavolo-aqva                    rana-aqva

fiume-aqva                    ric-rubinetto-aqva                    teiera-aqva

Previous slide Next slide Show content Hide content

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi